Sport con paradenti: quanto è pericoloso?

A causa del virus corona, le maschere per il viso sono obbligatorie in Germania nei negozi al dettaglio, dai parrucchieri e sui mezzi pubblici di autobus e treni. Presto verranno indossate le mascherine anche nelle sale fitness. Ma quanto è utile? E chi fa jogging dovrebbe indossare anche una maschera protettiva all’aria aperta?

La maschera giusta per la palestra

In palestra, gli atleti dovrebbero utilizzare preferibilmente una maschera composta da a Misto nylon-elastan consiste. Questo mix di tessuti è simile a quello delle magliette sportive o dei costumi da bagno e ha delle proprietà speciali ad asciugare velocemente. Le mascherine in cotone o le mascherine chirurgiche così come le maschere FFP si penetrano troppo rapidamente e sono quindi il terreno fertile ideale per virus, batteri e germi. Inoltre la saturazione di ossigeno diminuisce nel corpo quando si indossano maschere di cotone fino al cinque percento, con le maschere FFP2 anche fino al sette percento, poiché queste ultime non lasciano passare abbastanza ossigeno. Può essere pericoloso!

Maschera durante l’allenamento – devi considerare questo:

Ora è importante che gli atleti ascoltino il proprio corpo durante l’allenamento e mettano in pausa o interrompano l’allenamento se il carico è troppo elevato. Con un paradenti la resistenza aumenta, rendendo la respirazione ancora più difficile, motivo per cui ad es. B. I pazienti asmatici e con BPCO non dovrebbero allenarsi con una maschera in studio. Se il corpo assorbe troppo poco ossigeno attraverso la maschera, questo è espresso da a Sensazione di debolezza, vertigini e generalmente malessere.

Per il disegno di formazione è consigliabile ridurre gli esercizi di resistenza HIIT del 20 percento e l’allenamento della forza anche del 30 percento. Un allenamento moderato ora ha senso per non sovraccaricare i polmoni e il corpo. Utile anche per monitorare la frequenza cardiaca. Con un carico continuo, ad es. B. quando si corre sul cross trainer, il polso non deve superare un valore di 190 meno l’età.

Emozionante anche: Misurare correttamente il polso >>

Adattamento fisico come con l’allenamento in quota?

Quando ti alleni, il tuo corpo ha bisogno di ossigeno, che entra nel corpo attraverso un’inalazione più profonda e frequente. I muscoli dei bronchi e dei polmoni devono lavorare di più. Se c’è una mancanza di ossigeno, i reni producono più sostanza eritropoietina. Di conseguenza, il corpo produce più emoglobina e globuli rossi, che si dice migliorino l’assorbimento di ossigeno. Speciali maschere da allenamento, che vengono utilizzate per imitare gli eventi dell’allenamento in quota, promettono di abituare il corpo a un apporto di ossigeno inferiore. Tuttavia, ciò non è dimostrato. Con una mascherina in tessuto o una semplice mascherina chirurgica non ci si può aspettare alcun effetto positivo in termini di trasporto di ossigeno nel corpo.

Una maschera non ha senso fuori

Infatti, per corridori, ciclisti e atleti è sufficiente mantenere una distanza sufficiente (almeno 1,5 metri) dalle altre persone all’aperto. Il rischio di infezione è quindi estremamente basso. Una maschera quindi non ha senso per gli atleti. Per ridurre al minimo anche il rischio di infezione, i parchi con molte persone che fanno jogging dovrebbero essere evitati. Da un lato è estenuante correre costantemente tra la folla nello slalom, dall’altro il rischio di infezione è maggiore.

Emozionante anche: 7 errori da evitare quando si indossa una mascherina protettiva >>

Maggior rischio di infezione nella scia

I jogging che sono nel scia un altro jogging che corre. Anche qui c’è abbastanza distanza dal bene dieci metri importante in quanto i virus rimangono nell’aria per qualche tempo prima di affondare a terra. Per passegginoche seguono altre persone in scia, sono validi per ca. cinque metri di distanzaper Ciclisti 20 metri. Uno studia Le università di Eindhoven (Paesi Bassi) e Leuven (Belgio) avevano dimostrato che gli atleti in scia ea una distanza di soli 1,5 metri hanno un rischio maggiore di ricevere aerosol, cioè goccioline molto fini, in faccia.

Leave a Reply

Your email address will not be published.