Questi 13 sintomi possono comparire

5. Stanchezza e problemi di concentrazione

La stanchezza è un sintomo tipico che si manifesta spesso con carenze vitaminiche o nutrizionali. La carenza di vitamina D non fa eccezione. Inoltre, l’oscurità e la melatonina rilasciata con essa ci assicurano che siamo più stanchi e abbiamo difficoltà a concentrarci.

6. Disturbi del sonno

Nel 2017, scienziati iraniani hanno esaminato l’influenza della vitamina D sulla qualità del sonno e hanno scoperto che un’assunzione regolare di vitamina D può garantire che le persone si addormentino e dormano meglio. Anche la durata del sonno dei soggetti del test, che si sentivano più in forma e più produttivi durante il giorno, è aumentata.

7. Livelli di zucchero nel sangue scarsi

Il livello di zucchero nel sangue può anche soffrire di un apporto insufficiente di vitamina D nel nostro corpo. In caso di carenza di vitamina D a digiuno (glicemia a digiuno) elevato. Livelli elevati di zucchero nel sangue possono favorire l’infiammazione e, a lungo termine, portare all’insulino-resistenza e al diabete di tipo 2. Una carenza di vitamina D può anche essere pericolosa per i diabetici, poiché il valore di zucchero nel sangue a lungo termine (HbA1c) può essere aumentato.

8. Sclerosi multipla

Non è stato ancora chiarito in modo definitivo se una carenza di vitamina D sia una causa o una conseguenza delle malattie della SM. Tuttavia, il team di ricerca danese guidato da Nete Munk Nielsen ha dimostrato in modo impressionante nel 2017 che un’insufficienza Stato della vitamina D dei neonati associato ad un aumentato rischio di sviluppare la SM in seguito. Per fare ciò, hanno confrontato i valori ematici di 521 neonati che avevano sviluppato la sclerosi multipla in età adulta e 972 soggetti di confronto rimasti sani. I risultati sottolineano l’importanza di ottimale Apporto di vitamina D durante la gravidanza per il futuro bambino.

9. Raffreddori frequenti

L’aria di riscaldamento secca e i virus del raffreddore circolanti ci rendono suscettibili alle infezioni delle prime vie respiratorie in inverno. Ma secondo la Società tedesca per la nutrizione (DGE), una carenza di vitamina D rende anche più facile prendere il raffreddore. Anche la gravità del difetto è fondamentale: Maggiore è la carenza, più siamo suscettibili a prendere il raffreddore. Al contrario, il DGE attribuisce un effetto preventivo contro le infezioni del tratto respiratorio superiore all’integrazione con compresse di vitamina D. Tuttavia, la vitamina D non aiuta in modo acuto contro un raffreddore che è già scoppiato.

Interessante anche: quanta vitamina D ho bisogno al giorno? >>

10. Voglie

Una carenza di vitamina D può effettivamente scatenare voglie quando il nostro corpo si rende conto che manca una vitamina o un ormone essenziale. Attraverso la fame vorace, ti segnala la mancanza. Quindi, se soffri maggiormente di voglie di cibo nei mesi invernali di fine febbraio e marzo, dovresti far controllare il tuo livello di vitamina D da un medico di cui ti fidi per essere al sicuro.

11. Diminuzione della fertilità

In effetti, un apporto insufficiente di vitamina D può anche influire sulla fertilità. I ricercatori dell’Università di Graz lo hanno scoperto in una revisione sistematica nel 2012. Gli scienziati hanno scoperto che sia negli uomini che nelle donne che avevano bassi livelli di vitamina D, la produzione di ormoni sessuali era limitato. Anche lei ha sofferto qualità del seme dei soggetti maschili e il tasso di gravidanza dei soggetti in carenza. I ricercatori attribuiscono questo al fatto che la vitamina D è coinvolta nella produzione di testosterone ed estrogeni nei testicoli e nelle ovaie, nonché nella formazione degli ovociti.

12. Dolore muscolare

Oltre alla debolezza muscolare e al calo delle prestazioni negli sport, possono verificarsi anche dolori muscolari e dolori muscolari con carenza di vitamine. È anche possibile che tu sia più colpito da dolori muscolari o esaurimento dopo sessioni sportive intense.

13. Mal di testa

Come la maggior parte delle carenze nutrizionali, la carenza di vitamina D può causare mal di testa e persino vertigini. Tali sintomi di carenza diffusa sono relativamente comuni, ma di per sé non indicano una specifica carenza di vitamine o minerali. Pertanto, si consiglia una visita dal medico di cui ti fidi se sei afflitto da mal di testa per un periodo di tempo più lungo. Un esame del sangue può quindi essere utilizzato per determinare se e quale carenza esiste effettivamente.

Rari sintomi di carenza di vitamina D

  • la perdita di capelli
  • nervosismo
  • vista scarsa
  • nevralgia

Queste malattie promuovono la carenza di vitamina D

Nei paesi con meno sole, di solito si verifica una carenza di vitamina D a causa della mancanza di esposizione al sole nei mesi estivi, il che significa che i negozi non sono sufficientemente riforniti. Per questo motivo, molte persone in Germania esauriscono le scorte di vitamina D verso la fine dell’inverno, il che può portare a una fornitura insufficiente o, in casi più rari, a una vera carenza di vitamina D. Inoltre, tuttavia, alcune malattie possono anche essere rumorose sano.bund.de causare o rendere più probabile una carenza di vitamina D:

Quanto tempo ci vuole perché la carenza di vitamina D si risolva?

Come regola generale, più grave è il difetto, più tempo ci vorrà per risolverlo. Questo di solito richiede circa diverse settimane. Ai pazienti con carenza di vitamina D vengono inizialmente somministrate dosi elevate di vitamina D come integratore per un periodo di tempo molto breve. Ad esempio, con un valore molto basso, sono possibili fino a 10.000 IE (=Unità Internazionali). Una volta che i livelli sono elevati, i medici raccomandano di continuare a una dose più bassa (1.000 UI). Dopo circa quattro settimane, il medico eseguirà un esame del sangue per verificare in che misura la sua carenza è già stata corretta e se è stato raggiunto il valore target di vitamina D. Se necessario, può ricalcolare il dosaggio.

Come prevenire la carenza di vitamina D

Se tieni a mente alcune cose, potresti essere in grado di prevenire una carenza di vitamina D. Segui una dieta equilibrata e sana e costruisci pesce grasso, tuorlo d’uovo, fegato e carne rossa nel tuo piano alimentare. Puoi anche assorbire la vitamina D dai latticini e da alcuni funghi commestibili. Poiché la maggior parte viene assorbita dalla radiazione solare, dovresti conservazione della vitamina D tra marzo e ottobre uscendo molto. Non è così facile in inverno, ma anche allora dovresti passare almeno mezz’ora all’aperto alla luce del giorno.

Consiglio: Non dovresti mai assumere preparati a base di vitamina D da solo, poiché c’è il rischio di sovradosaggio o potrebbe non esserci alcuna carenza. Tuttavia, se il tuo medico ti ha già diagnosticato una carenza, dovresti sempre assumere la vitamina D in combinazione con la vitamina K2 assumere, in quanto agiscono sinergicamente nell’organismo, ad esempio nell’accumulo di sostanza ossea, cioè si completano a vicenda. Fortunatamente, molti produttori ne tengono conto, ad esempio troverai preparati corrispondenti con vitamina D e K2 qui in forma di capsule o in forma di gocce da circa 20 euro.

Utile anche: I 5 alimenti con il più alto contenuto di vitamina D >>

Video: prevenire la carenza di vitamina D: dovresti saperlo

Leave a Reply

Your email address will not be published.