Pangasio – pesce malsano allevato in fabbrica

Il pesce è un alimento prezioso che non solo ha un buon sapore, ma dovrebbe essere anche nel menu due volte a settimana per le sue proprietà benefiche per la salute. Tuttavia, il pesce non è solo pesce: alcune varietà sono anche salutari per tutto il resto, compreso il filetto di pangasio.

Perché il pangasio è malsano?

Il filetto di pangasio si trova spesso negli scaffali dei surgelati tedeschi perché il pesce è economico, povero di grassi e ha un sapore delicato. Solo nel 2011, le persone in Germania hanno acquistato circa 40.000 tonnellate di pangasio esotico. È un pesce d’acqua dolce che vive in acque tropicali più calde. Lì non è su un grosso strato di grasso dipendente, motivo per cui contiene pochissimi acidi grassi omega-3 sani. Questi si trovano principalmente nei pesci d’acqua fredda ricchi di grassi come il salmone, l’aringa e la trota. Pertanto, ricorrere a tali varietà per soddisfare il tuo fabbisogno di iodio e grassi omega-3. Pangasio non è adatto a questo e per di più di solito contiene mercurio, che può causare danni ai nervi. Inoltre, il pesce di solito proviene da condizioni di allevamento discutibili.

Origine: dove viene coltivato il pangasio?

I filetti di pangasio economici che possiamo acquistare al supermercato provengono spesso da allevamenti ittici in Vietnam. Questi cosiddetti acquacoltura Simile all’allevamento intensivo: simile all’allevamento di bovini o suini, ci sono troppi animali in uno spazio ristretto. L’acqua è inquinata dalle escrezioni dei pesci, ecco perché antibiotici deve essere utilizzato nel feed.

Inquinanti nel pangasio

Oltre agli antibiotici, nei famosi pesci d’acqua dolce si possono trovare anche inquinanti nocivi. Quando i filetti di pesce vengono lavorati, vengono spesso inclusi fosfato e acido citrico, poiché legano l’acqua nel pesce, rendendolo più pesante. Dopo lo scongelamento, il fosfato rimane nel pangasio e viene da noi assorbito.

Se vuoi ancora mangiare il pangasio, assicurati di acquistarne uno certificato foca con regolamenti severi, ad esempio “ASC”, “Bioland” o “Naturland – Wildfisch”. Per ulteriori informazioni, consultare il Consulente per i pesci di Greenpeace.

Mercurio: quale pesce è particolarmente contaminato?

Rispetto ad altri pesci, il pangasio è in realtà contaminato solo da piccole e medie quantità di mercurio. Di gran lunga le maggiori quantità di mercurio si trovano nei pesci predatori come tonno, pesce spada, merluzzo, coregone e luccio. Il cosiddetto metilmercurio è particolarmente tossico per il nostro organismo sistema nervoso e lo sviluppo del cervello, motivo per cui l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) consiglia alle donne in gravidanza e ai bambini in particolare di non mangiare pesce contenente mercurio.

Video: La via di Pangasio

Leave a Reply

Your email address will not be published.