L’ondata di influenza arriverà in autunno?

Ci aspettiamo una forte ondata influenzale?

C’è un’epidemia di influenza in autunno? Negli ultimi meno persone sono state contagiate dall’influenza a causa della distanza e delle norme igieniche. Di conseguenza, la maggior parte della popolazione non ha sviluppato alcuna protezione immunitaria contro l’influenza. Per questo motivo, secondo gli scienziati statunitensi, l’epidemia di influenza di quest’anno potrebbe essere più forte del solito quest’inverno. “Quest’anno, una parte significativa della popolazione non è stata infettata dall’influenza e quindi è diventata immune”, ha affermato Andy Pekosz, professore di microbiologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, la rete televisiva NBC.

La suscettibilità della popolazione all’influenza è quindi in aumento. Anche in Germania ci sono stati relativamente pochi casi di influenza. Un rapporto settimanale sull’influenza del Robert Koch Institute (RKI) afferma: “Nella stagione 2020/21, né la Germania né gli altri paesi europei hanno avuto un’ondata influenzale a livello di popolazione misurabile”. volontà, il Robert Koch Institute può, su richiesta del Rete editoriale Germania non si dà: “Ma quando e in che misura riprenderà la circolazione globale dei virus influenzali e quale virus o quali sottotipi si diffonderanno poi, non si sa”.

Ondata influenzale: distanza e norme igieniche proteggono dai contagi

Una vaccinazione antinfluenzale può contrastare questo, in particolare le persone anziane, le donne in gravidanza e le persone con precedenti malattie dovrebbero essere vaccinate contro l’influenza. Anche seguire le regole igieniche, come lavarsi le mani regolarmente o indossare una mascherina, può limitare la diffusione. A febbraio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato la composizione del vaccino antinfluenzale che raccomanda per la stagione 2021/22. La base per il vaccino sono i patogeni dell’anno precedente. Tuttavia, poiché l’anno scorso non si è verificata un’epidemia di influenza e sono stati esaminati solo pochi campioni di ceppi influenzali, i medici temono che il vaccino possa avere punti deboli nella progettazione. Ciò potrebbe significare che il vaccino fornisce solo una protezione limitata contro i virus influenzali circolanti, il che significa che l’effetto booster andrebbe perso.

Leave a Reply

Your email address will not be published.