La mia app di avviso Corona si accende in rosso: cosa devo fare ora?

Dal 16 giugno 2020, l’App Corona-Warn quasi 40 milioni di volte scaricato (stato: 06.01.22). Lo scopo dell’app è avvisare le persone che nelle ultime due settimane hanno avuto contatti con una o più persone risultate positive al Covid-19.

Se qualcuno è risultato positivo, può indicarlo volontariamente nell’app. Un codice QR o un numero segreto sul risultato del test, che deve essere scansionato o inserito per la verifica, può prevenire false segnalazioni di infezione. Per la maggior parte degli utenti, l’app è verde, il che significa che c’è un basso rischio di infezione. Ad alta voce coronawarnapp.de l’app è stata mostrata in rosso a oltre 1,1 milioni di utenti nel periodo dal 1° al 7 dicembre inclusi. Ma cosa significa l’indicatore rosso e come dobbiamo reagire?

Cosa devo fare se la mia app Corona-Warn è rossa?

L’avviso rosso nell’app significa che sei stato nelle vicinanze di una persona per un lungo periodo di tempo negli ultimi 14 giorni che in seguito è risultata positiva al virus corona, il che ti espone a un rischio maggiore di infezione. Poiché l’app non distingue tra utenti vaccinati, guariti o non vaccinati, l’indicatore rosso non significa necessariamente che sei infetto. Per poter valutare meglio il rischio, veniamo anche informati del giorno in cui si è svolto l’incontro.

Indipendentemente dal fatto che siano non vaccinati, vaccinati o guariti, si raccomandano i seguenti comportamenti:

  • Se possibile, vai a casa finché non ottieni un risultato negativo del test.
  • Se ti senti male o hai sintomi, contatta il tuo medico di famiglia o il servizio di guardia dell’assicurazione sanitaria obbligatoria al 116 117. Anche le persone vaccinate e guarite possono mostrare sintomi.
  • Approfitta dell’opportunità di lavorare da casa. Se ciò non è possibile, scopri di più sulle condizioni di quarantena nel tuo distretto qui.
  • Dal momento dell’incontro del rischio, deve essere osservata una quarantena di 10 giorni senza un test e 5 giorni con un test PCR. Secondo l’RKI, coloro che sono stati vaccinati completamente e coloro che si sono ripresi sono esclusi dalle misure di quarantena. Tuttavia, questi possono ancora essere eseguiti volontariamente.
  • Fai un test corona. Puoi farlo eseguire gratuitamente se nell’app è presente un avviso rosso. Se il tuo test rapido è positivo, questo dovrebbe sempre essere confermato da un test PCR. Vai in isolamento finché non ottieni un risultato negativo. Se anche il test PCR è positivo, rimanere in isolamento e contattare il servizio sanitario.

Quando scomparirà l’indicatore rosso?

Due settimane dopo che la tua app di avviso Corona ti ha avvisato con un riquadro rosso, l’annuncio è scomparso di nuovo. Se il display è scomparso dopo qualche giorno, significa che l’incontro in questione è avvenuto più di 14 giorni fa.

Importante: Anche se l’app Corona-Warn ti mostra un rischio basso e nessun rischio, puoi comunque aver avuto contatti con una persona infetta. Quindi segui sempre le regole di distanza e igiene per proteggere te stesso e gli altri.

App di avviso corona: cosa significano i diversi colori

È possibile visualizzare le seguenti informazioni sullo stato:

  • Rischio grigio, sconosciuto: O la determinazione del rischio non è stata attiva abbastanza a lungo oa causa di problemi tecnici, ad es. connessione Bluetooth mancante, non è stato possibile determinare alcun rischio. È meglio controllare più volte al giorno se nella parte superiore dell’app è visualizzato “Determinazione del rischio attiva”.
  • Verde, a basso rischio: Un rischio basso può esserti mostrato se non hai avuto un incontro rischioso o se ne hai avuto uno, ma solo brevemente oa una distanza sufficiente. Puoi anche avere più incontri a basso rischio senza che l’app diventi rossa.
  • Rosso, rischio aumentato: Sarai informato che sei a maggior rischio di infezione perché sei stato in contatto con una persona che in seguito è risultata positiva al coronavirus. Il display non è un avviso in tempo reale. Ciò non è possibile per motivi di protezione dei dati.

Leave a Reply

Your email address will not be published.