Il boss di Biontech parla di quarta vaccinazione di richiamo

4. Vaccinazione: chi ne ha bisogno e quando?

Il capo di Biontech Uğur Şahin ritiene necessaria una vaccinazione di richiamo dopo soli tre mesi. In un’intervista al specchio Şahin ha detto: “Se l’omicron continua a diffondersi, come sembra, avrebbe senso scientifico offrire un booster dopo soli tre mesi.” Secondo Şahin, anche il booster perde il suo effetto ad un certo punto. Pertanto, una quarta vaccinazione diventa necessaria in un intervallo di tempo relativamente breve. Non sono ancora noti dettagli più precisi sul fatto che determinati gruppi di persone abbiano maggiori probabilità di essere vaccinati. Tuttavia, si può presumere che gli anziani e in particolare i gruppi particolarmente vulnerabili abbiano la priorità sul resto della popolazione. Quindi, se ricevi un richiamo ora, potresti ricevere la quarta vaccinazione in primavera.

Omikron: La doppia vaccinazione non fornisce una protezione sufficiente

Attualmente, una doppia vaccinazione contro Omikron non offre una protezione sufficiente. Secondo i dati iniziali, tuttavia, tre dosi del vaccino mRNA proteggono dall’infezione con la nuova variante del virus. Tuttavia, le società Biontech e Pfizer presumono che esista ancora una protezione contro una grave malattia. L’attuale determinazione dello Standing Vaccination Committee (STIKO) del Robert Koch Institute afferma che è possibile un richiamo sei mesi dopo l’ultima dose di vaccino dell’immunizzazione di base.

Nuovo vaccino contro la variante omicron?

L’azienda farmaceutica sta attualmente lavorando a un nuovo vaccino adattato alla nuova variante. “Non è stato ancora deciso se gireremo la chiave per la piena produzione. Sono attualmente in arrivo varie varianti di omicron e non è ancora chiaro quale prevarrà e quale sarà poi nel vaccino”, ha affermato. specchio. Solo tra poche settimane sarà chiaro se sia necessario un nuovo vaccino, che non apparirà sul mercato prima di marzo 2022.

Gli esperti consigliano ora la terza vaccinazione di richiamo

Secondo Şahin, per proteggersi al meglio dalla variante contagiosa dell’omicron, le persone dovrebbero ricevere subito i booster e non aspettare un possibile nuovo vaccino. Thomas Preis, capo dell’Associazione dei farmacisti del Nord Reno, condivide questa opinione. In un’intervista al Posta renana Ha detto: “Le persone con più di 60 anni e con malattie precedenti dovrebbero ricevere i richiami prima di Natale se l’ultima vaccinazione è avvenuta almeno cinque mesi fa. Le celebrazioni familiari in stanze chiuse ora danno un contributo particolare alla diffusione del virus”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.